CAFFE’ ESPRESSO

18 maggio 2020 - Primo giorno per il Btp Italia 5 anni.

Si apre questa mattina l'offerta retail del Btp Italia maggio 2025, che offre una cedola reale minima garantita dell'1,40%. La domanda degli investitori al dettaglio verrà raccolta fino alla chiusura del mercato mercoledì.

Il Tesoro punta a raddoppiare nel giro di qualche anno la quota di governativi in portafoglio ai privati, portandola a 160 miliardi (circa il 6% del totale). Tenendo conto delle nuove esigenze di raccolta legate all'emergenza, il dirigente parla di emissioni 2020 intorno ai 500 miliardi, definendo il debito nazionale "pienamente sostenibile".

Secondo calcoli effettuati, ipotizzando un'inflazione media annua dello 0,5% (come nella media degli ultimi 5 anni) e considerando lo 0,16% annuo generato dal premio fedeltà, il nuovo Btp Italia a 5 anni (a quel punto con un rendimento effettivo annuo del 2,06%) supererebbe il tasso che venerdì esibiva la scadenza a 10 anni (1,86%).

Un grosso contributo è atteso ovviamente anche dalle banche italiane che, secondo dati Bankitalia, hanno acquistato debito per oltre 20 miliardi di euro in più nei primi tre mesi del 2020 rispetto alla fine dell'anno precedente, con un incremento da 383,8 a 397 miliardi nel solo mese di marzo. Un intervento che si va ad affiancare ai massicci riacquisti operati dalla Bce per andare a tamponare l'emorragia degli investitori esteri, le cui vendite sono state stimate fra i 40 e i 50 miliardi nello steso periodo. I livelli raggiunti non sono ancora tali da impattare in modo significativo sul patrimonio degli istituti di credito, secondo l'istituto di ricerca economica Prometeia.

L'economia della zona euro non tornerà ai livelli pre-pandemici fino al prossimo anno, forse più tardi, secondo il capo economista della Bce aggiungendo che la Bce è pronta a modificare i suoi strumenti se necessario.

Secondo un resoconto di Bofa, la scorsa settimana gli investitori hanno speso 15,8 mld di dollari in bond, preferendoli all'equity, tra i timori di una seconda ondata di contagi dopo l'estate. I numeri a mercoledi' scorso dicono che sono stati riversati sui mercati monetari 35,6 mld, con un conto che arriva a 1.200 mld di dollari negli ultimi 12 mesi.

Interpellati tra l'11 e il 14 maggio, gli economisti hanno tagliato ancora le stime sul Pil dell'Eurozona 2020 (-7,5% rispetto al -5,4% stimato tre settimane fa) nonostante gli sforzi senza precedenti attuati dalla Bce e le misure di stimolo eccezionali varate dai governi per miliardi di euro.

La Bce è vista aumentare il suo programma di acquisti anti-pandemia di 375 mld di euro nel suo meeting del 4 giugno, con il totale che finirebbe per ammontare a 1.130 mld di euro, senza contare i 20 mld comprati ogni mese. Il bilancio dell'Eurotower e' visto passare inoltre dagli attuali 5.000 mld a quota 6.500, con un'apertura da parte della banca centrale, come fatto gia' da altri istituti, anche all'acquisizione di bond che hanno perso l'investment grade, i cosiddetti "fallen angels". Un'ipotesi che potrebbe mettere ulteriormente "sotto accusa" la Bce, gia' alle prese con la sentenza di Karlsruhe. Secono il 75% degli analisti intervistati, pero', la pronuncia dei giudici costituzionali tedeschi sulla proporzionalita' non avra' impatto di lungo termine sulle scelte della Bce.

Della decisione dell'Alta Corte - una minaccia in grado di distruggere l'Unione europea - si dice invece particolarmente preoccupato il finanziere e filantropo George Soros, che in un'intervista al Sole ieri, lancia la proposta di bond perpetui da parte dell'Ue. "Titoli consolidati" che, a suo dire, essendo emessi dall'Unione come entità complessiva, sarebbero automaticamente proporzionali e tali resterebbero evitando problemi di mutualizzazione del debito pregresso.

Primi segnali di timida ripresa in Cina, invece, dove la pandemia ha avuto origine. Nel mese di aprile i prezzi delle case nelle aree urbane sono aumentati dello 0,5% su mese dopo il +0,1% del mese precedente. Il dato annuo registra un rialzo del 5,1% dopo l'incremento del 5,3% di marzo. La banca centrale ha fatto sapere che intende cominciare ad evitare l'acquisto dei bond piu' rischiosi vista la graduale ripresa, mentre il ministro del Commercio cinese avverte che il calo della domanda globale avrà un impatto senza precedenti sugli scambi e Pechino fara' di tutto per stimolare i consumi interni.

Etichette: Aritmatica, Caffé Espresso |

I commenti sono chiusi.