CAFFE’ ESPRESSO

30 luglio 2020 - Interlocutoria la riunione Fed di ieri ...

Appuntamento clou con le aste a medio lungo di fine mese ; il Tesoro mette a disposizione stamani fino a 7,25 mld su due Btp a 5 e 10 anni e un Ccteu. C'è ancora incertezza, inoltre, circa l'annullamento anche quest'anno - come da prassi negli ultimi dieci - del collocamento a m/l di metà agosto.

L'aumento dei contagi da coronavirus in Usa e le restrizioni imposte dall'epidemia di cui al momento non è possibile stabilire l'evoluzione, hanno iniziato a pesare sulla ripresa economica statunitense che resta tuttora piena di incertezze. Il monito è arrivato ieri sera da Jerome Powell, nelle consuete dichiarazioni seguite alla due giorni del Fomc. Più di 150.000 cittadini negli Stati Uniti sono morti per Covid sinora. La Fed, come da previsioni, ha mantenuto i tassi invariati, rimandando possibili decisioni all'autunno, quando si spera la situazione sanitaria sarà un po' più chiara e le decisioni del Congresso su nuovi provvedimenti di stimolo fiscale e di sostegno all'occupazione - tuttora in discussione - saranno passati alla prova dei fatti. Il board della banca centrale Usa ha comunque ribadito di essere pronto ad utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione per supportare l'economia, mantenendo i tassi prossimi allo zero per tutto il tempo che sarà necessario. Nessuna variazione, come alcuni analisti si attendevano, sulla forward guidance, di cui forse a questo punto il Fomc discuterà nel meeting di settembre. La Fed ha in ultimo ribadito che continuerà ad acquistare almeno 120 mld di dollari di Treasuries e altri asset al mese nell'intento di stabilizzare i mercati.

I 240 mld di euro del Mes a disposizione dei 19 Paesi della zona euro per finanziare provvedimenti anti-pandemia sono concessi a tassi molto vantaggiosi, soprattutto per i Paesi del Sud più colpiti dal coronavirus e che vedono al momento rendimenti decennali all'1% (nel caso dell'Italia). Il tasso di un prestito a 10 anni del Mes era pari a zero in giugno ed è sceso ora a -0,12%, secondo quanto si legge sul blog del fondo. A sette anni il tasso scende a -0,26%. Nessun Paese - Italia inclusa, dove infuria la polemica politica su un eventuale utilizzo - ha sinora utilizzato tali linee di credito.

Oltreoceano, in arrivo la stima sul Pil del secondo trimestre con attese nere a -34,1%, in quella che sarebbe la peggior contrazione dai tempi della Grande depressione. Sempre dagli Usa anche i numeri sulle richieste settimanali di sussidi di disoccupazione, stimati a 1.450.000 in lieve incremento dalla settimana precedente in una statistica che dà il polso nel breve dell'andamento del mercato del lavoro statunitense ancora gravemente impattato dall'epidemia.

La banca centrale giapponese non esclude di abbassare ulteriormente i tassi già negativi per sostenere l'economia, il governo vede una riduzione del Pil nell'anno fiscale a marzo 2021 minore del 5%, secondo diverse fonti dell'esecutivo. Intanto, le vendite al dettaglio hanno mostrato a giugno il quarto calo consecutivo, anche se ad un ritmo minore di quanto atteso. Il ribasso è stato dell'1,2% su anno contro previsioni a -6,5%.

I rendimenti a lungo dei Treasuries Usa hanno registrato una leggera salita ieri dopo le comunicazioni dovish della Fed.

Dollaro in netto ribasso dopo quanto ribadito dal Fomc. Contro un paniere delle principali valute il biglietto verde è piombato ai minimi da giugno 2018 nell'imminenza delle parole di Powell, per poi recuperare qualcosa. L'euro si giova della situazione sale ai massimi da due anni sopra quota 1,18 dollari mentre si avvia al suo miglior risultato mensile in 10 anni, con un +5% sinora. Anche la sterlina è salda contro la divisa Usa appena sotto i massimi da quattro mesi e mezzo.

Etichette: Aritmatica, Caffé Espresso |

I commenti sono chiusi.