CAFFE’ ESPRESSO

23 luglio 2020 - In attesa dei Pmi domani, oggi tiene banco l'aumento delle tensioni Usa-Cina.

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo scostamento di bilancio da 25 miliardi di euro che porta il deficit/Pil quest'anno all'11,9% dal 10,4% indicato lo scorso aprile e rispetto all'1,6% del 2019, e il debito al 157,6%. Tra le misure che verranno finanziate con un decreto a inizio agosto, dopo un voto parlamentare la prossima settimana, la proroga degli interventi di Cig, il sostegno a imprese e settori più colpiti dall'epidemia anche attraverso la riprogrammazione delle prossime scadenze fiscali, sostegno alla scuola per la ripartenza in sicurezza e agli enti territoriali.

Il mercato continua a digerire lo storico accordo del Consiglio europeo, con S&P Global che considera il Recovery fund una "svolta" per l'affidabilità dei rating sovrani del blocco.

Commentando il piano di rilancio, la presidente della Bce Christine Lagarde ha detto che la proporzione tra prestiti e sovvenzioni nel fondo da 750 miliardi è ragionevole, anche se poteva essere migliore, e che il pacchetto è ambizioso. Ha auspicato un maggior consolidamento del settore bancario nella zona euro. Riguardo agli effetti della pandemia sull'attività economica, ha detto che le previsioni di crescita dello scenario base elaborato da Francoforte vanno "probabilmente nella giusta direzione".

In attesa dei sondaggi Pmi di domani, che potrebbero influenzare l'andamento del mercato, oggi pochi dati dall’eurozona. Nel primo pomeriggio arrivano da oltreoceano le nuove richieste settimanali di disoccupazione, con attese pari a 1,3 milioni in linea con la settimana precedente, mentre in molti stati che hanno revocato prematuramente le misure di 'lockdown' continuano a salire i contagi.

Rallenta il calo del dollaro sulle tensioni Usa-Cina, che spingono i mercati alla cautela.

Etichette: Aritmatica, Caffé Espresso |

I commenti sono chiusi.