CAFFE’ ESPRESSO

3 gennaio 2019 - La vicenda Carige non influisce sui Btp e sugli altri titoli bancari.

Inizio d'anno all'insegna della relativa tranquillità per il mercato obbligazionario italiano, che non ha risentito della vicenda Carige, la banca posta in amministrazione controllata dalla Bce. Il titolo, annuncia Consob, resta sospeso in attesa di un quadro informativo completo. Gli altri titoli bancari oggi sono positivi.

A determinare il lieve allargamento dello spread tra Btp/Bund decennali, che ha chiuso a 253 pb da 251 pb dell'ultima seduta 2018, il rally della carta tedesca trainata, in quanto asset rifugio, dai segnali di perdita di slancio dell'economia e in particolare del manifatturiero della zona euro, la cui crescita a dicembre ha rallentato ai minimi dal 2016.

Il Bund 10 è sotto lo 0,20% di rendimento; l’Irs allo 0,75%.

Sul fronte macro, sotto osservazione i dati mensili sul mercato del lavoro Usa, con i numeri degli occupati del settore privato diffusi da Adp.

Prosegue la risalita dello yen, nei confronti del quale il biglietto verde lascia sul terreno quasi il 2% e l'euro oltre 1,5%. Fa da amplificatore all'accelerazione della valuta nipponica la rottura di alcuni livelli chiave sui grafici

I rendimenti Usa sono in calo di oltre 15 centesimi rispetto ai livelli pre natalizi: il 10 anni è al 2,63% dal 2,79%.

 

DATI MACROECONOMICI

USA

Occupati Adp settore privato dicembre.

Bilancia commerciale novembre.

Nuove richieste sussidi disoccupazione settimanali.

Indice Ism New York dicembre

Pmi manifatturiero dicembre

Etichette: Caffé Espresso |

I commenti sono chiusi.