CAFFE’ ESPRESSO

10 febbraio 2020 - Il coronavirus fa salire l'inflazione in Cina ...

Il coronavirus fa meno paura nonostante le conseguenze sull’economia cinese possano farsi sentire sia in termini di crescita sia sull’inflazione: proprio questa mattina è stato comunicato il dato di gennaio che si è chiuso con un'inflazione al ritmo mensile di 1,4% e al tasso tendenziale di 5,4% -- massimo da ottobre 2011 -- e prezzi alla produzione in rialzo di 0,1% annuo, primo incremento da sei mesi a questa parte. Le aspettative degli investitori prospettavano per i prezzi al consumo un incremento di 0,8% a perimetro mensile e 4,9% a livello annuo, mentre sui prezzi a monte della filiera il consensus indicava un rialzo tendenziale di 0,1%.

In linea con le aspettative, venerdì sera dopo la chiusura di Wall Street Fitch ha confermato il rating sovrano nazionale a 'BBB', mantenendone anche l'outlook negativo. Il giudizio, scriveva l'agenzia Usa, "riflette il livello estremamente alto del debito pubblico, l'andamento particolarmente debole della crescita, l'incertezza della politica economica e i rischi associati alle proiezioni sul debito".

 

In ripresa lo yuan cinese, eurousd a 1,095.

 

DATI MACROECONOMICI

 

ITALIA

 

Istat, produzione industriale dicembre

 

 

ZONA EURO

 

Indice Sentix febbraio.

Etichette: Aritmatica, Caffé Espresso |

I commenti sono chiusi.