CAFFE’ ESPRESSO

15 aprile 2019 - Possibilità di ripresa nel secondo semestre, Trump permettendo.

La ripresa dell'economia nella zona euro nella seconda parte dell'anno resta possibile, anche se alcuni fattori continuano a minare la fiducia, in primis i rischi di una 'hard Brexit' e di una guerra commerciale globale, ha detto sabato a Washington il presidente Bce Mario Draghi.

Il Btp ha terminato in ribasso venerdì una seduta che ha visto lo spread stringersi a 234 punti base, minimo da settembre, e il rendimento del decennale portarsi a quota 2,35% come non accadeva dal maggio scorso. A deprimere il mercato nel finale dati inaspettatamente forti sulla crescita del credito e dell'export cinese a marzo, che hanno ridotto le preoccupazioni degli investitori sul rallentamento dell'economia globale. Lo spread riparte da 234 punti base, il tasso del decennale da 2,39%. Venerdì si è registrato anche un forte interesse da parte degli specialist per le riaperture dei Btp andati in asta il giorno prima.

Per il Giappone è essenziale alzare le imposte sulle vendite dall'8% al 10% per aumentare le entrate, dice l'Ocse, segnalando la necessità per il Paese di contenere la spesa sanitaria e aggiungendo che gli acquisti di Etf da parte di Banca del Giappone starebbero distorcendo il mercato azionario.

L'euro tiene dopo il rialzo di venerdì su flussi speculativi legati al Giappone.

Etichette: Aritmatica, Caffé Espresso |

I commenti sono chiusi.