CAFFE’ ESPRESSO

12 giugno 2018 - Ottimismo dall'incontro storico tra Trump e Kim Jong Un.

Lo storico incontro nell'isola singaporegna di Sentosa tra Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un ha avuto un esito "migliore di quello che chiunque si potesse aspettare", secondo le parole del presidente Usa. Trump e Kim firmeranno un documento che riconosce i progressi compiuti, per tenere viva la fase positiva delle trattative, riferisce una fonte ufficiale Usa. L'obiettivo del vertice, che si avvia a conclusione, è porre fine alla disputa sul nucleare nordcoreano, uno dei fattori di maggiore instabilità e tensione geopolitica degli ultimi anni, non solo in estremo oriente ma a livello globale. Kim ha definito l'incontro "un buon preludio alla pace".

Mentre gli operatori guardano al meeting Bce di giovedì - che potrebbe già indicare con chiarezza la chiusura del Qe entro fine anno - lo spread ha chiuso ieri a 236 pb, non lontano dai minimi di seduta, in netto calo dai 268 di venerdì. Il tasso del decennale ha archiviato la giornata a 2,85%, anche in questo caso sui minimi intraday, dal 3,13% di venerdì sera. Il secondario resta estremamente volatile, ma ad offrire supporto sono state le parole di Tria che nel fine settimana ha affermato che non è in discussione alcun proposito di uscita dall'euro e che il governo conferma gli obiettivi di riduzione del rapporto debito/Pil. Toni rassicuranti li ha comunque utilizzati anche l'esponente Bce Vasiliauskas, secondo il quale la situazione politica in Italia non rappresenta una minaccia all'eurozona, nonostante le agitazioni che sta causando sui mercati finanziari.

Le parole di Tria che confermano l'impegno dell'Italia su euro e conti pubblici sono "lungimiranti e creano fiducia" secondo il commissario europeo al Bilancio Oettinger, intervistato stamane dal Corriere. Oettinger -- al centro di roventi polemiche nelle scorse settimane per aver affermato che l'andamento negativo dei mercati è un segnale agli italiani affinché non diano responsabilità di governo alle forze populiste -- spiega che quanto detto da Tria esprime gli obiettivi e gli interessi sia dell'Europa sia dell'Italia. "Siamo riconoscenti per questa dichiarazione pronta e chiara, che è importante per la politica italiana".

In arrivo da Bankitalia il documento mensile 'Banche e moneta', contenente i dati di aprile su sofferenze e credito bancario in Italia. I numeri di un mese fa indicavano sofferenze lorde pressoché invariate rispetto a febbraio (a 163 miliardi circa).

Sul fronte macro europeo, il dato principale della mattinata è l'indagine congiunturale Zew di giugno, sulla fiducia economica in Germania.

In arrivo dagli Stati Uniti - nel giorno in cui prende il via la due giorni del meeting Fomc - i dati sui prezzi al consumo di maggio.

Lo stesso cauto ottimismo per il vertice Usa-Corea del Nord sostiene il dollaro nei confronti dello yen ai massimi da tre settimane. Il dollaro avanza leggermente anche sull'euro, che tiene comunque le posizioni in attesa del meeting Bce di giovedì e grazie alle rassicurazioni giunte dall'Italia sulla permanenza nell'euro.

Etichette: Aritmatica, Caffé Espresso |

I commenti sono chiusi.