CAFFE’ ESPRESSO

6 giugno 2018 - L'Italia resta sorvegliata speciale.

L’Italia resta la sorvegliata speciale. C’è molta curiosità tra gli operatori per vedere come muoverà i primi passi il nuovo governo. Al di là dei contenuti del discorso di Conte questo non è un governo 'market friendly' in quanto  punta a sfidare l'Europa su molti temi delicati: la ferita delle tensioni delle scorse settimane è tutt’altro che arginata con un mercato che resta scosso e incerto e lo si vede anche dallo spread bid-ask che stentano a ricomporsi. Il recupero post annuncio della nascita del governo appare giustificato ma non escludiamo che l'esplosione della volatilità delle ultime settimane possa rendere gli investitori prudenti prima di rientrare in modo significativo e strutturale e dunque ci vorrà del tempo per vedere un ulteriore sgonfiamento dei premi di rischio. Le mosse del nuovo governo saranno scrupolosamente analizzate specie in termini di aumento della spesa. Per ora possiamo constatare una certa reazione negativa all’intervento di Conte da cui forse era lecito aspettarsi qualche parola in più sul rapporto Italia – Europa. Lo spread si muove a 235 bps dai 210 di ieri, i rendimenti Btp tornano a salire di circa 20 centesimi su tutte le durate. Si rivede infine qualche acquisto sui Bund anche se si tratta di movimenti molto composti. Limatura sull’Irs. Il calo dei tassi “core” trova parziale giustificazione dal dato sulle vendite al dettaglio europee inferiori alle attese e dagli indici finali Pmi che confermano la lettura preliminare (che aveva deluso). Tornano a muoversi al rialzo i tassi Usa sulla scia dei buoni dati occupazionali di venerdì.

 

In agenda nella prima mattinata l'intervento di Praet, capoeconomista della Banca centrale europea, che potrebbe offrire la propria lettura riguardo le indicazioni provenienti dall'economia della zona euro, che suggeriscono un rallentamento del ritmo di crescita, e dare spunti riguardo i tempi del percorso di normalizzazione della politica monetaria, anche alla luce delle turbolenze sull'obbligazionario italiano.

 

Al vertice di Charlevoix in Canada -- che vedrà il debutto sulla scena internazionale del premier Conte -- i leader dei sette Paesi più industrializzati ribadiranno il proprio impegno a difendere le democrazie contro le minacce straniere e instaurare un meccanismo per dare risposte rapide in questo senso, come ha riferito un alto funzionario europeo. Il vertice sarà l'occasione anche per sostenere le sanzioni contro la Russia e affrontare il nodo dei dazi imposti dagli Usa su acciaio e alluminio.

 

Euro poco mosso mentre gli investitori cominciano a concentrarsi sul meeting Bce della prossima settimana, il 14 giugno, a Riga. Secondo gli operatori, ieri la divisa unica si è apprezzata dopo che Bloomberg, citando alcune fonti, ha scritto che Francoforte potrebbe annunciare al temine di quel meeting quando porrà fine al Qe.

 

Prezzi in rialzo sui timori che il Venezuela possa ridurre le esportazioni di petrolio in un movimento limitato tuttavia dalle richieste degli Usa all'Arabia saudita e ad altri Paesi Opec di aumentare la produzione.

 

DATI MACROECONOMICI

 

USA

Bilancia commerciale aprile

Scorte settimanali prodotti petroliferi Eia

 

ASTE DI TITOLI DI STATO

EUROPA

Germania, Tesoro offre 2 miliardi Bobl cinque anni 14/4/2023 cedola 0%.

Gran Bretagna, Tesoro offre 2,75 miliardi sterline Gilt 2023 0,75%.

 

BANCHE CENTRALI

EUROPA

Zona euro, intervento Praet (Bce) a Berlino

Etichette: Aritmatica, Caffé Espresso |

I commenti sono chiusi.