CAFFE’ ESPRESSO

15 maggio 2018 - Buona performance dei Btp nonostante il nulla di fatto per il governo.

Dopo la temporanea pausa del rialzo, i tassi americani riprendono a salire con il decennale che torna sopra il 3%. Questa volta i Bund vengono sospinti dai Treasury e il 10 anni sale allo 0,60%; rialzo significativo anche per l’Irs che da 0,98% di venerdì si muove a 1,06%. Nonostante il nulla di fatto sul fronte del nuovo governo, il Btp performa meglio dei Bund e riduce così lo spread a 130 bps dopo essersi affacciato sopra i 140 bps la scorsa settimana. Il rialzo dei tassi “core” eurozona è avvenuto nonostante le parole di un membro Bce secondo cui la performance dell'economia della zona euro è ancora quella incorporata nelle previsioni della Banca centrale europea e per stabilire se il recente rallentamento sia temporaneo o proseguirà sono necessari altri dati. Ciò potrebbe essere un segnale che si voglia attendere prima di apportare modifiche alla politica monetaria: alla riunione di luglio la banca centrale avrà a disposizione le previsioni di metà anno: basteranno o vorrà attendere settembre per avere più dati prima di apportare modifiche? Possibile anche che desideri vedere come reagiranno i mercati al probabile nuovo governo italiano e alle sue prime mosse: andare a proporre una rimozione del QE in una fase del genere sarebbe estremamente rischioso dopo tutto quello che è stato fatto dalla Bce. E’ vero che spegnimento del QE non significa stop agli acquisti (verranno rinnovati i titoli in scadenza e le cedole; la Fed ha smesso di riacquistare ddue anni dopo la fine del QE) ed è anche vero che la duration del debito italiano è circa a 7 anni e che il fabbisogno 2018-19 è assolutamente sostenibile, ma un annuncio della chiusura dell’ombrello protettivo QE offrirebbe comunque il fianco a coloro che volessero mettere sotto pressione la carta italiana.

Quotazioni petrolifere in tenuta sui massimi recenti, grazie alla prosecuzione dei tagli produttivi da parte dell'Opec e alla minaccia di sanzioni Usa contro l'Iran.

Dollaro in leggera risalita dai minimi da oltre una settimana rispetto al paniere delle principali valute internazionali, guidato dal rialzo dei rendimenti sui Treasury.

Governativi Usa in calo nelle contrattazioni della mattinata, in linea col movimento della seduta di ieri, sulla percezione di un allentamento delle tensioni commerciali con la Cina.

 

DATI MACROECONOMICI

GERMANIA

Stima flash Pil trim1

Indice Zew maggio

 

ZONA EURO

Stima flash Pil trim1 .

Produzione industriale marzo

 

USA

Indice manifatturiero Fed New York maggio.

Vendite al dettaglio aprile

Etichette: Aritmatica, Caffé Espresso |

I commenti sono chiusi.