CAFFE’ ESPRESSO

28 novembre 2017 - Squilibri sui rendimenti.

“Nulla nova bona nova”: in assenza di notizie e di dati macro i rendimenti ne approfittano per limare leggermente i rendimenti e le borse sono positive ad eccezione di quella tedesca che langue intorno a 13mila punti livello da monitorare con attenzione visto che una discesa al di sotto peggiorebbe il quadro tecnico.

I Btp si confermano tonici nonostante gli indici di fiducia dei consumatori e delle imprese in calo e sotto le attese. Certo che sorprende che un Btp a 2 anni renda -0,32% , quello tedesco -0,7% e quello Usa 1,75%. Un’anomalia dovuta al QE e che diventa ancora più evidente se si considera che i rendimenti europei a breve hanno continuato a scendere pur in un contesto di inflazione crescente, con le attese in costante rialzo (forward inflation 5y5y a 1,687% da 1,50% di fine giugno) e con le materie prime e il petrolio in particolare che spingono verso l’alto. Le anomalie stanno diventando molte e molto significative: la Bce dovrà agire con grandissima abilità per evitare movimenti bruschi.

Etichette: Aritmatica, Caffé Espresso |

I commenti sono chiusi.