Caffé Espresso

Una tazzina di notizie finanziarie

21 giugno 2018 – Questioni politiche entrano prepotentemente al centro.

Si terrà domenica pomeriggio a Bruxelles un primo vertice su uno dei dossier in assoluto più delicati, vale a dire quello dei migranti. Oltre alla Bulgaria, che ha la presidenza di turno della Ue, all'incontro partecipano Italia, Germania, Francia, Spagna, Austria, Grecia e Malta. Conte ha ricevuto a Palazzo Chigi il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk ed escluso che Roma si occupi dei movimenti 'secondari' dei flussi migratori -- come chiede l'alleato bavarese Csu a Merkel. Salvini parla di difesa dei confini europei, spingendosi a sollevare il tema del contributo finanziario italiano all'Unione. Una bozza del documento preparato per il vertice di domenica definisce "cruciale" la riduzione dei migranti illegali e la gestione dei flussi 'secondari' all'interno della Ue, invitando i paesi a non adottare misure unilaterali, non coordinate a livello comunitario. Una bozza che non piace a Salvini che ieri sera ha twittato: "Il Presidente del Consiglio ha pieno mandato di difendere gli interessi degli italiani, quindi se andiamo a Bruxelles per andare a prendere il compitino già preparato da francesi e tedeschi... il Premier fa bene a risparmiare i soldi del viaggio".

A Lussemburgo nel pomeriggio la riunione dei ministri finanziari della zona euro, cui seguirà venerdì il consiglio Ecofin. Si tratta dell'ufficiale debutto europeo per Giovanni Tria. A Lussemburgo anche Luigi Di Maio per la riunione del consiglio Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Di martedì sera il primo intervento alla Camera del ministro, in cui si parla di impegno a ridurre il debito pubblico e negoziare con l'Europa livelli di deficit che consentano di sostenere, tramite investimenti pubblici, un'economia in crescita per quanto a un ritmo più contenuto dell'anno scorso. Secondo Carlo Messina di Intesa Sanpaolo le parole del ministro sarebbero state più appropriate un mese fa e avrebbero evitato le tensioni dei mercati.

Prevista una conferma del costo del denaro sui livelli attuali da parte dell'istituto centrale britannico, che secondo le attese prepara il prossimo rialzo dei tassi per la riunione del 2 agosto.

Il dollaro ha toccato nuovi massimi da luglio 2017 contro un paniere di valute, mentre l'avversione al rischio ha spinto al rialzo anche i rendimenti dei Treasuries. La sterlina, in attesa della BoE, si muove attorno ai minimi dei sette mesi.

Prezzi del greggio in calo sulle piazze asiatiche, sullo sfondo di un possibile accordo per un incremento della produzione da parte dell'Opec in occasione della riunione di domani.

Sullo scemare dell'avversione al rischio, i prezzi dei titoli del Tesoro Usa registrano un calo, con parallelo rialzo dei rendimenti, spinti anche dalle attese di un rialzo dei tassi di riferimento Usa, che sono riuscite a far passare in secondo piano il conflitto commerciale Usa-Cina.

DATI MACROECONOMICI

ZONA EURO

Stima flash fiducia consumatori giugno

USA

Nuove richieste settimanali sussidi disoccupazione

Indice fiducia consumatori Fed Filadelfia giugno

Leading indicator maggio

BANCHE CENTRALI

EUROPA

Gran Bretagna, Banca Inghilterra annuncia decisione tassi, pubblica verbali riunione politica monetaria

Gran Bretagna, governatore Carney interviene a cena a Londra

► continua

20 giugno 2018 – La novità è l’andamento uguale tra Btp e Bund all’aumentare dell’avversione al rischio.

► continua

19 giugno 2018 – Tensione sui mercati per via di nuove minacce di dazi.

► continua

18 giugno 2018 – Torna alla ribalta la guerra dei dazi tra Cina ed Usa.

► continua

15 giugno 2018 – Euro debole dopo la riunione Bce di ieri.

► continua

14 giugno 2018 – Fed ieri, Bce oggi, BoJ domani: la settimana delle banche centrali.

► continua

13 giugno 2018 – Segnali di forte rallentamento dallo Zew tedesco.

► continua

12 giugno 2018 – Ottimismo dall’incontro storico tra Trump e Kim Jong Un.

► continua

11 giugno 2018 – Forti acquisti sulla carta italiana: ottima notizia in vista delle aste di mercoledì.

► continua

8 giugno 2018 – I contrasti sui dazi saranno al centro del G7; mercati nervosi.